Archivi tag: lavoro 50 anni consigli

4 – mens sana in corpore sano

Sto per distorcere un po’ il significato originale di questa frase di Giovenale (poeta latino vissuto 1800 anni fa). Lui intendeva infatti che bisogna chiedere agli dei una mente sana e un corpo sano, in modo che l’uomo si sviluppi senza troppa fisicità grazie alla coltivazione delle scienze e delle arti, che per natura impegnano di più l’intelletto.

Noi moderni l’abbiamo reintepretata nella più semplice “una mente sana risiede in un corpo sano“. Io, con buona pace di Giovenale, abuso di questa frase per sposarne questa interpretazione.

In paroloni, ora che siete a casa e avete questa straordinaria opportunità di poter usufruire di un po’ di tempo, cercate di farlo nel modo migliore. Oltre a rendervi utili in famiglia (magari molti di voi fino all’ultimo stipendio sono stati completamente inglobati dal lavoro e hanno dovuto trascurare gli impegni familiari), cercate di approfittare di questo periodo per trovare un nuovo ritmo biologico, per riconquistare un minimo di preparazione fisica magari perduta o solo trascurata.

Per chi già pratica attività sportiva ovviamente questo discorso non sussiste, ma sicuramente potrete confermare che quando vi allenate o anche solo vi muovete, il cervello si muove con voi, stacca un attimo anche lui da tutti gli assilli e si concentra sul battito cardiaco, sulla respirazione, sulla singola (anche breve) prestazione fisica che state compiendo. Passeggiare, fare qualche chilometro di corsa, serve sicuramente a buttare giù qualche chilo di troppo ma anche e soprattutto a farvi ritrovare contatto con voi stessi per almeno mezz’ora / un’ora.

Se non dimagrirete non fa niente, ma se prendeste come abitudine quella di svegliarvi la mattina un po’ presto e andare a fare mezz’ora di corsetta o di passeggiata sicuramente vi ritrovereste con un po’ di fiato in più (che non fa mai male) e magari potrebe frullarvi in testa qualche idea che era rimasta incastrata nei labirinti che il vostro cervello ha creato e in cui vi sta tenendo imprigionato. Vi aiuterà a vedervi dall’esterno magari, e a guardare quel labirinto dall’alto. Leggetevi questo articolo tratto dalla Gazzetta.it. E se lo dice la Gazzetta…

Siete allergici alla corsa e al movimento? Non c’è problema, sicuramente in casa c’è bisogno di voi per accompagnare i figli a scuola, per sistemare quel rubinetto che perde da anni, per lavare le tende del salotto, per oliare la porta del bagno che cigola sempre, etc etc… Secondo me, dopo qualche giorno di faccende domestiche arretrate dovrebbe venirvi una irresistibile voglia di andare a correre, garantito!

A parte gli scherzi, approfittate del tempo che vi viene forzatamente concesso per curare voi, la vostra famiglia e tutte le cose che avete lasciato in sospeso per anni a causa del vostro lavoro. Spesso non sono attività che necessitano di spendere denaro, magari sono semplici attività manuali che banalmente avete sempre rimandato. Questo è il momento per terminarle.

Ultima cosa da fare nell’immediato: se avete dei finanziamenti in atto, ricordatevi che la cosa migliore da fare in questi casi è quella di andare subito in banca e rifinanziarli, magari accorpandoli, in modo da ridurre il numero di rate da pagare mensilmente, il peso complessivo della singola rata e allungarne la durata. Perché? Semplice, perché tra qualche mese potreste non avere più delle buste paga da presentare, quindi è meglio farlo subito!

p.s. domani vi parlerò di L.S.D. …

1 – non mentire

premessa: tutto ciò che scrivo è basato unicamente sulla mia esperienza, vissuta in prima persona soprattutto, ed in terza persona parlando con le persone, con gli amici che hanno vissuto esperienze molto simili alla mia, con persone della vostra età che hanno vissuto o stanno purtroppo vivendo tutt’ora questa difficile fase della vita.

Non posseggo la verità assoluta, cercate voi di prendere spunto dai miei articoli, per quanto deliranti potranno sembrare a volte, per trovare la vostra strada.

Iniziamo.

Caro 50 enne disoccupato, se ti fidi di me che ho l’età di tuo figlio (più o meno), allora fidati anche di tuo figlio. Ti sembra un’ovvietà ma tantissimi genitori tendono a vedere il figlio sempre come il piccolo bambino indifeso a cui non va detto mai niente di come vanno le cose e a cui bisogna dipingere sempre una realtà dove i genitori pensano a tutto e lui deve solo pensare a studiare, che l’importante è farsi un titolo di studio.

Bene, una delle cose che più rimprovero ai miei genitori (persone delle quali nutro una stima infinita) è stata quella di non averci messo sufficientemente al corrente della situazione, di averci sempre detto “il vostro lavoro è studiare, al resto pensiamo noi”.

Certo, è stupido criticare un genitore con il punto di vista di un figlio, ma da uomo a uomo avrei voluto sentirmi dire “caro figlio / cari figli, le cose stanno in questo modo: c’è il rischio che da qui a “X” mesi non riusciamo più a pagare bollette, mutuo, retta universitaria, etc…, serve il vostro aiuto per tamponare”. La famiglia è il luogo dove tutti i componenti possono e devono essere se stessi, dove possono sfogarsi delle proprie ansie e dove possono trovare il conforto degli altri componenti. Non esiste un luogo più adatto.

Sicuramente è difficile dire ad un figlio che sta studiando per gli esami di maturità o per gli esami all’università di mettere un attimo da parte tutto per dare una mano, però l’altro rischio è quello di dover fargli interrompere bruscamente gli studi per mancanza di fondi. So benissimo che quando si hanno 50 anni i figli mediamente stanno finendo le superiori o stanno entrando in università, cercano di farsi una vita propria e stanno sempre meno tempo in casa. Però la responsabilizzazione dei figli in questi casi può diventare un fattore di crescita per il figlio stesso, migliore di qualsiasi master post universitario.
Senza contare che vostro figlio, che vive la vita da un’altra prospettiva, potrebbe addirittura stupirvi con delle idee che a voi mai sarebbero venute in mente. Non siete dei visionari come Steve Jobs, non plasmate il futuro, quindi siate ricettivi il più possibile verso le idee che possono suggerirvi i vostri stessi figli, senza pregiudizi.

Per tutti questi motivi il mio primo consiglio è di NON MENTIRE, in primo luogo a voi stessi. Poi alla vostra famiglia, ai vostri parenti ed ai vostri amici. Non abbiate paura di confidare le vostre ansie, non chiudetevi dentro ad un’ostentata sicurezza. E’ solo parlando con gli altri che si riesce a scaricare il proprio peso, e con più persone ne parlate più il peso si fraziona.

Pensateci: quante persone che hanno perso parenti, amici, figli, creano associazioni noprofit in memoria di queste persone? Perché comunicare con gli altri e condividere i propri problemi ci aiuta a superarli.

Siate opensource, siate 2.0. Siate dei blogger viventi di voi stessi. (se questa frase non l’avete capita bene non vi preoccupate, sto preparando un glossario da 20 enne da sfoggiare al prossimo colloquio…)

vi lascio con questo video, godetevelo

facciamo sul serio…?

Ok veniamo al punto.

Prima di tutto voglio mettere a disposizione di chi entrasse in questo sito l’esperienza vissuta da mio padre, ovvero quella di trovarsi nel mezzo del cammin di vostra vita, senza lavoro.
Infatti se state leggendo queste righe, è quasi sicuramente perché cercate un lavoro adatto a voi, avete più o meno 50 anni, e avete già mandato qualche decina di curricula senza successo.

In scondo luogo, oltre alla mia storia (che può interessarvi relativamente e che serve solo a farvi capire che “succede un po’ a tutti”), vorrei cercare di mettere insieme dentro questo luogo virtuale quante più idee possibili possano venire in mente a noi e a voi per fare in modo che possiate trovare una indipendenza economica nel minor tempo possibile.

Vi ricordo a tal proposito che io faccio parte della generazione del “meglio un uovo oggi…”, quindi sono portato sempre a pensare al breve termine, alla giornata, alla settimana al massimo. Sembrerà stupido ma sarà questo atteggiamento che potrà aiutare a portarvi fuori dal tunnel.

Ultimo obiettivo sarebbe quello di creare una rete tra le persone che inizieranno a frequentare questo sito in modo da poter diventare un punto di riferimento per chi cerca persone mature, esperte, affidabili e concrete. Voi, appunto.

Riprendiamo però il filo del discorso. Vi racconto brevissimamente cosa è successo nella mia famiglia.

Mio padre, persona di vasta cultura e da sempre esempio di vita e di moralità per noi figli, ha quasi sempre lavorato come dipendente con mansione di contabile, capo contabile, etc. Nelle poche volte che ha provato a mettersi in proprio, vuoi per scelte di collaboratori sbagliate, vuoi per scarso spirito imprenditoriale, non gli è andata bene. Per essere un libero professionista o un lavoratore autonomo devi essere un po’ figlio di puttana, e lui non ha mai avuto questa indole.

Così, superando periodi più o meno lunghi di disoccupazione (anni ’90), ci siamo spostati a Milano, grazie ad un lavoro per mio padre da dirigente in un’azienda di arredamenti della Brianza.

Era il 1992, avevo 8 anni. Dal 1992 al 2002, per 10 anni esatti mio padre lavorò come dirigente, noi mantenemmo un tenore di vita dignitoso (non siamo gente che sperpera ma con 3 figli ci vuole un attimo a non avanzare niente). Facevamo le nostre vacanze di 2 settimane ad agosto e niente di più.
Nell’agosto del 2001 (avevo 17 anni) mio padre mi commissionò un piccolo sito per aprire il mercato della azienda di arredamenti in America. Iniziammo a prendere contatti e verso i primi di settembre avevamo già inviato del materiale informativo oltreoceano.
Poi accadde l’11 settembre. Tutti i contatti che avevamo raccolto crollarono insieme alle torri. Si fermò tutto. L’azienda di mobili, già in declino, finì in liquidazione nel giro di un paio di anni.

il 29 maggio del 2002 mio padre venne licenziato all’età di 53 anni e 9 giorni. Non percepì praticamente nulla della indennità di mancato preavviso e della liquidazione che gli sarebbe spettata. Andò in causa e dopo diversi anni gli riconobbero una percentuale molto ridotta di ciò che gli sarebbe spettato.

Era un periodo in cui ancora l’economia “tirava”, ma purtroppo per un over 50 come lui fu praticamente impossibile rientrare nel mondo del lavoro, tranne che per qualche breve periodo. In 13 anni di sostanziale precariato (dal 2002 al 2015) ha svolto quasi ogni tipo di mansione, dovendo scendere più volte a compromessi quasi umilianti e riunciare a mettere al servizio della società l’esperienza e la professionalità maturate nel corso della sua carriera.

Il mese scorso, 13 anni e 4 mesi dopo quel maggio del 2002, mio padre ha ritirato la sua prima pensione.

Gli anni sono lunghi, specie se sei un ragazzo che ne ha 17 e vorresti andare in giro e spaccare il mondo (non come i black block, intendiamoci….). Nonostante queste difficoltà ho terminato gli studi al liceo e ho quasi finito quelli di Ingegneria. (ma per questo discorso farò un altro sito per persone che non hanno terminato l’università ad un passo dalla laurea, promesso!)

Mi sono però sempre chiesto quale fosse il motivo del fatto che in 13 anni mio padre non sia riuscito a raggiungere l’indipendenza economica, se non per qualche breve periodo. Non mi capacitavo (io ma penso soprattutto lui stesso) di come una persona così in gamba, di cultura e di professionalità rare, non riuscisse a trovare un posto di lavoro, anche sotto le sue richieste. La risposta probabilmene non l’avrò mai, ma alcune teorie le ho elaborate e cercato di verificare negli anni trascorsi. Attenzione, non parlo solo del dubbio che i suoi curricula inviati non fossero incisivi, ben scritti e facili da leggere. Parlo anche e soprattutto del fatto che i lavori che ha trovato non gli hanno mai dato la sicurezza di un’entrata fissa regolare tale da poter pensare di essere “uscito dal tunnel”.

Per questo motivo vorrei che ognuno di voi che abbia la curiosità di leggere queste pagine e si trovi nella situazione in cui si è trovato mio padre non debba rischiare di aspettare 13 anni o più per ritrovare la dignità conquistata con anni di lavoro ed una indipendenza economica perduta da un giorno all’altro.

spero di avervi chiarito perché VI CAPISCO, e perché sento quasi un bisogno fisico di scrivere queste pagine.

alla prossima, le premesse ci sono quasi tutte, possiamo cominciare con le prime considerazioni.